Sostenibilità

Sostenibilità

Sostenibilità

La progettazione della sostenibilità

Il progetto PNRR per la Villa di Maser si focalizza sulla digitalizzazione e innovazione, combinando la valorizzazione del patrimonio culturale con tematiche ESG e sostenibilità. 

L'ottimizzazione nella gestione sostenibile delle risorse è un tema traversale nell'intervento, coinvolgendo e integrando nel progetto soluzioni per l'irrigazione e illuminazione, per l'ottimizzazione dei percorsi e per il restauro di componenti fondamentali sia architettoniche che vegetali.

Oltre a tutte le attività rivolte fisicamente al parco e al giardino della villa il progetto prevede sia l'adozione di tecnologie avanzate per il restauro e la conservazione, che da un punto di vista IT e digitale l'uso di strumenti digitali per migliorare l'accessibilità e la fruizione del sito. 

L'adozione di totem informativi e visite virtuali aumenta la consapevolezza ambientale e l'educazione del pubblico.
L'uso di tecnologie avanzate permette anche un accesso migliorato tramite computer e dispositivi mobili con cui gli ospiti possono consultare le informazioni, gestire le prenotazioni e vivere un'esperienza interattiva digitale in continua evoluzione. 

La possibilità stessa di fruire dei contenuti del patrimonio pittorico e architettonico del sito non solo contribuisce ad arricchire l'offerta di Villa di Maser ai suoi visitatori fisici e online, ma consente di creare vera innovazione e migliorare la fruizione di contenuti culturalmente unici, patrimonio non solo del cittadino che ne apprezza la bellezza e unicità in sito e online, ma di tutto il mondo.

Questo approccio innovativo facilita la gestione degli accessi, promuove una fruizione sostenibile del sito e migliora l'esperienza complessiva dei visitatori, aumentando la consapevolezza e l'educazione ambientale.

 

 

Consulta tutti i cartelloni che accolgono i visitatori del parco e della Villa di Maser
Clicca qui per accedere alla pagina dedicata con tutte le miniature

 

Sfoglia tutti i totem direttamente online.
Clicca qui per aprire il documento

 

Villa di Maser e l’approccio sostenibile di Andrea Palladio 

 “Non è possibile fare alcuna opera buona se non si tiene conto della natura del luogo e delle sue condizioni”

Andrea Palladio
I Quattro Libri dell'Architettura

 

Andrea Palladio si distingue tra l’altro per la capacità di mettere il suo ingegno al servizio dell’ambiente e del contesto naturale nel quale era chiamato a progettare. Questo approccio ha fatto di Palladio uno degli architetti di riferimento: è stato capace di rivoluzionare l'arte edificatoria con eleganza e rispetto per il passato.
Il suo genio risiede proprio nella capacità di integrare le sue opere nell'ambiente naturale, creando una "rivoluzione gentile" che ha trasformato il paesaggio veneto senza traumi, ma con garbo e profondità.

 

L’architettura palladiana

In un’analisi essenziale dell’architettura di Andrea Palladio potremmo sottolineare tre chiavi di lettura:

1. Lo spazio integrato

La prima chiave di lettura dell’architettura di Palladio è l'unità delle parti con il tutto.
Questo concetto si manifesta attraverso la simmetria, la proporzione, la gerarchizzazione e il biomorfismo degli edifici palladiani.
Palladio stesso sosteneva che un edificio deve essere caratterizzato da “razionalità di struttura e funzionalità di disposizione” per rispettare la naturalezza dell’abitare.
Questo principio di unità architettonica è evidente in tutte le sue opere, dove ogni elemento è in armonia con l'insieme, e rispetta il contesto in cui è inserito.

2. Relazione con l'ambiente

La seconda chiave di lettura è la relazione delle dimore palladiane con l’ambiente circostante, la città e il cosmo o genius loci.
Le opere di Palladio sono in costante dialogo con la realtà naturale e umana circostante.
Questa integrazione si riflette nel coordinamento delle parti tra loro e in rapporto al tutto, rendendo ogni costruzione un tutt'uno con il paesaggio.

3. Funzionalità del progetto

La terza chiave è la funzionalità del progetto.
Le ville palladiane servivano principalmente a tre scopi: agricolo, casa di villeggiatura e rappresentanza.
Villa di Maser, ad esempio, è progettata per essere un luogo di abitazione per una famiglia e ha la funzione di azienda agricola.
Questa attenzione alle esigenze pratiche è una dimostrazione concreta dell'umanesimo che caratterizzava la cultura di Palladio.

Le ville dovevano rispondere alle necessità della committenza, che fossero di rappresentanza, di ozio culturale o di lavoro agricolo.

Palladio riusciva a nascondere una grande semplicità, dettata da necessità economiche, dietro un aspetto di magnificenza delle sue ville, nonostante esse fossero realizzate con materiali semplici ed economici.
Le ville palladiane erano costruite per lo più in muratura grezza di mattoni, rivestita da un intonaco a stucco, e perfino le colonne erano per la maggior parte in mattoni.
L’uso della pietra lavorata era ristretto ai particolari più rifiniti, come le basi e i capitelli delle colonne e le cornici delle finestre.

 


 

Scopri altri importanti dettagli sulla Sostenibilità:

Sostenibilità e innovazione nel progetto palladiano di Villa di Maser

Verso il futuro #NextGen

Interventi di restauro del Ninfeo della Villa di Maser

Gli altri interventi

Gli altri interventi sul Progetto di restauro e valorizzazione del giardino di Villa di Maser a Maser riguardano il restauro del ninfeo, il restauro degli spazi verdi, il refitting e risistemazione della scuderia e il restauro delle serre.

La Villa di Maser è Patrimonio dell'Umanità UNESCO

Il Progetto viene realizzato grazie ai fondi dell’Unione Europea, Next Generation EU.